Quando si pensa alla rete di pensa all’inglese e in inglese: termini informatici, strategie di comunicazione e di marketing … un intero vocabolario anglofono.
Ma è davvero questa la situazione attuale dei contenuti web e, di conseguenza, possiamo ritenere completa la proposta linguistica di un sito laddove includa la lingua di provenienza e l’alternativa inglese?

Ecco a voi non una ma otto valide ragioni per cambiare opinione sullo stato dell’arte dei siti multilingue e comprendere l’importanza di un’offerta linguistica su misura:

– l’inglese resta sicuramente la lingua più “parlata” sul web ma l’espansione costante della tecnologia e dell’accesso alla rete sta favorendo il diffondersi di contenuti in   numerosissime lingue

– una nuova lingua significa un nuovo pubblico e delle nuove possibili strategie di marketing

– un nuovo pubblico e delle nuove strategie di marketing rappresentano le chiavi d’accesso a nuovi potenziali clienti

– se il vostro sito internet comprende un e-commerce, ogni nuova lingua può generare una crescita nelle vendite. Numerose indagini mostrano infatti come un utente medio si senta più sicuro nell’acquistare online quando riesce ad ottenere le informazioni necessarie sui prodotti nella propria lingua madre

– un sito multilingue sottolinea l’idea dell’ “utente al centro”, valorizzando la vostra Brand Awareness

cultural comfort zone: un utente che naviga su un sito tradotto nella propria lingua madre si sente a “proprio agio”

– un sito multilingue può darvi un vantaggio concreto nei confronti dei vostri competitors, in termini di traffico e ROI

– SEO, SEO, SEO! Un sito multilingue è un sito indicizzabile da un maggior numero di motori di ricerca e per un maggior numero di parole chiave. Cosa significa: più traffico, più visite e più conversioni.